Ufficio di riferimento: Ufficio Servizi sociali 

Descrizione Procedimento


Gli orientamenti politico-culturali riconoscono alla persona diversamente abile diritti irrinunciabili: autonomia, realizzazione delle potenzialità individuali, lavoro, servizi socio-assistenziali.

Di fatto questi diritti, così ben enunciati ed elaborati in termini di principio, non trovano spesso le risorse e gli strumenti indispensabili alla loro realizzazione. Si possono cogliere anzi preoccupanti segnali di “involuzione”, espressione di una società sempre più emarginante. Da parte degli operatori del settore c’è un lavoro di studio e di approfondimento sul problema della diversabilità, soprattutto nell’età post-scolare, al fine di indicare agli Amministratori locali varie proposte di soluzioni e realizzazioni utili per incidere maggiormente su questo tema. Non è una novità che nell’età scolare c’è più organizzazione, per cui i ragazzi si accompagnano ormai abbastanza bene con la collaborazione della scuola. Il problema assume altre dimensioni quando termina il percorso scolastico. La rete dei servizi deve poter disporre di strumenti, professionalità e strutture sufficienti a garantire l’attivazione di forme di supporto flessibili a soddisfare innanzitutto le esigenze organizzative e psicologiche della famiglia, che possono richiedere, nei diversi momenti e nelle diverse situazioni, forme di sostegno, di affiancamento o di sostituzione dei carichi assistenziali.

Centro Diurno Disabili (C.D.D.)

E’ una struttura diurna rivolta a soggetti con disabilità psico-fisica e compromissione delle facoltà cognitive, grave e medio-grave, per i quali sono utili attività di socializzazione ed integrazione.

Dove rivolgersi: Servizi Sociali del Comune, in Piazza Italia n. 8, Tel. 0345 55062


Centro Residenziale Handicap (C.R.H.)

E’ una struttura residenziale per disabili, per i quali non è più percorribile la possibilità di un inserimento in centri diurni. In genere l’inserimento si attiva quando la gravità della disabilità o le mutate condizioni familiari, tra cui l’invecchiamento e la perdita dei genitori, non permettono più la permanenza nel proprio domicilio.

Dove rivolgersi: Servizi Sociali del Comune, in Piazza Italia n. 8, Tel. 0345 55062